111. Un numero che è la somma di tre anniversari ma che racchiude anche la storia di uno dei locali storici di Alassio.

70 anni fa esatti – era il 1944 – Gianni e Luciana Benvenuti arrivarono ad Alassio e aprirono l’Osteria Nuova, che poi divenne Bar Gianni, diventando ben presto un punto di riferimento per il divertimento degli alassini negli anni ’50 e ’60.

Nel 1974 – 40 anni fa – Renzino e Fabrizio, i figli di Gianni e Luciana, rilevarono il locale e crearono l’Ubrecche. Un nome che ad Alassio ha da sempre fatto rima con divertimento ma che nel corso del tempo ha visto un po’ affievolirsi la spinta propulsiva. E così, un anno fa, una nuova gestione ha deciso di dare una seconda giovinezza all’Ubrecche (ora con la significativa sottotitolazione “Toulì Turna” a caratterizzarne la ritrovata vena) riscoprendo lo spirito gioioso e il fascino di un tempo che ne fecero uno dei lei locali più amati della città del Muretto. 70 + 40 + 1 fa esattamente 111, il numero che rappresenta tutto questo. Oggi l’Ubrecche è tornato a segnare la “movida” degli alassini e dei numerosi turisti che affollano la città ligure, grazie ad un sapiente mix tra divertimento e prodotti di qualità. Come le birre ceche, e come Malastrana, presente nel menu del locale.